PROGRAMMA EVENTO

PROVIDER: 67-FARMASERVIZI FORMAZIONE

 

TITOLO: “La preparazione alla Colonscopia: lo stato dell’arte”

DATA CORSO: 04/05 E 18/05/2021

SEDE CORSO: https://www.farmaservizifad.it

DESTINATARI DELL’ATTIVITA’ FORMATIVA: 500 Farmacisti Territoriali e/o Ospedalieri

DURATA: 3 Ore

CREDITI: 4,5 ECM

 

.

Referente scientifico: Dott.  Riccardo VANNI

 

OBIETTIVI FORMATIVI:

 

5.1 Obiettivo formativo: Integrazione interprofessionale e multiprofessionale, interistituzionale (8)

5.3 Acquisizione competenze di processo: L’obiettivo di questo corso è quello di passare in rassegna gli aspetti di maggiore interesse e fornire spunti per la corretta informazione ai farmacisti in merito alle varie preparazioni intestinali in commercio sia ad alto che e basso volume per i pazienti che devono sottoporsi alla colonscopia tenendo in considerazione anche eventuali comorbidità del soggetto e/o pazienti fragili alla luce delle ultime linee guida ESGE.

La colonscopia è universalmente considerata l’esame di scelta per la diagnosi e il trattamento delle patologie del grosso intestino e rappresenta il test di screening più efficace per la diagnosi di neoplasia colo-rettale. Per ottenere la maggiore resa diagnostica è necessario che la colonscopia venga eseguita nel modo più scrupoloso possibile, ma ciò è possibile solo se il livello di pulizia intestinale è ottimale. Negli ultimi dieci anni il numero di pazienti che si è sottoposto a tale esame è cresciuto con un range del 6-25% nei vari paesi europei e del 62% negli Stati Uniti. Questo ci fa comprendere l’interesse crescente verso tale esame che ha importanti implicazioni sul controllo della malattia neoplastica del colon, come anche sulla spesa sanitaria. Per tale motivo è necessario che la colonscopia venga eseguita nel modo più scrupoloso possibile in modo da ottenere la maggiore resa diagnostica che, a sua volta, è legata al livello di pulizia intestinale. Un’adeguata preparazione intestinale è significativamente associata al completamento dell’esame (con il raggiungimento del cieco) e alla diagnosi dei piccoli polipi (che possono essere già dei tumori maligni), mentre una cattiva pulizia può comportare (oltre ad una minore resa diagnostica), un aumento della durata della stessa procedura, della sedazione, del fastidio/dolore percepito dal paziente e delle complicanze. Da considerare, inoltre, tutte le problematiche (costi compresi) legate ad un’eventuale ripetizione dell’esame. Preparazioni inadeguate del viscere sono responsabili di circa un terzo delle procedure incomplete. Sono considerati a “maggior rischio” di scarsa preparazione intestinale: pazienti di sesso maschile; pazienti ricoverati; pazienti con particolari caratteristiche cliniche (immobilità/disabilità, anatomia e motilità del colon, pregressi interventi chirurgici); pazienti con patologie associate (diabete, cirrosi epatica, demenza) o che assumono farmaci (calcio-antagonisti, antidepressivi, ecc.) che possono ridurre la motilità intestinale. Anche la corretta informazione sulla modalità della preparazione intestinale (per iscritto con schede informative, o meglio ancora fornita dal personale infermieristico/amministrativo preposto) può sensibilmente incidere sulla preparazione intestinale. Ma forse l’elemento fondamentale, come emerge da inchieste nazionali ed internazionali sull’adesione alle campagne di screening del cancro colo rettale, è l’accettabilità della preparazione intestinale. Oltre il 60% di pazienti indica il “fastidio” della preparazione intestinale l’elemento principale che dissuade dall’eseguire la colonscopia. Considerando, quindi, di particolare importanza tale problematica recentemente la Società Europea di Endoscopia digestiva (ESGE) ha emanato delle Linee Guide che sono state recepite dalla società scientifiche del settore.

 

 

PROGRAMMA:

Incontro  4 maggio  2021

 

RELATORI: Dott. Franco COPPOLA - Dott. Riccardo VANNI

 

-          Le preparazioni di pulizia intestinale: menù e meccanismi d’azione

-          La dieta: quale ruolo

-          Sicurezza 

-          Efficacia e scale di valutazione

-          Alti e bassi volumi a confronto

-          Come ottimizzare le preparazioni (split, same day, fattori predittivi di scarsa preparazione)

 

Incontro 18 maggio 2021

 

RELATORI: Dott. Franco COPPOLA - Dott. Riccardo VANNI

 

-          Controindicazioni ed eventi avversi più comuni

-          Il ruolo della comunicazione e gli aspetti logistici nella programmazione della colonscopia

-          La preparazione intestinale nei pazienti difficili/speciali

-          Le linee guida ESGE/SIED 

 

Last modified: Friday, 5 March 2021, 11:11 AM